Passaggi – vivere per vivere

Passaggi – terza puntata: vivere per vivere

La mia storia può ancora cambiare. Per quanto io percepisca fortemente di avere già lanciato i dadi che il destino mi aveva offerto, sento che tutto può ancora essere. Non è stata una buona tirata, e di sicuro non mi sarà dato di tirare ancora. Non posso cambiare il risultato, ma posso fare che esso, qualunque sia stato, acquisisca un valore nuovo ed edificante per me. Intanto devo impegnarmi per trovare un equilibrio tra i vari aspetti del vivere e non lasciare più che uno prevalga sull’altro. C’è stato un tempo in cui ero diventata leggera e vivevo in un’altra dimensione, totalmente avulsa e staccata dalla realtà. Percepivo le energie sottili e avvertivo altri mondi ed altre presenze, ma non riuscivo a vedere ciò che era reale intorno a me. C’è stato un altro tempo in cui mi lasciavo inghiottire dai libri ed esistevo solo in funzione della lettura, della cultura fine a se stessa. Ed ero totalmente dimentica dei miei problemi concreti che si sono abbattuti su di me, inaspettati e con una violenza inaudita. Adesso vivo troppo calata nel quotidiano e questo non mi piace, non mi rende felice… so bene che è un passaggio necessario, che mi ha garantito la sopravvivenza, ma sono stata in grado di reggerlo, solo perché nella mia mente riuscivo ad immaginare l’uscita da questo angusto tunnel. La materia non mi ha mai interessato più di tanto: tutto il tempo che impiego per garantirmi un sostentamento materiale mi sembra buttato via, insignificante, banale ed indegno di essere vissuto. Eppure bisogna sacrificare del tempo sull’altare del bisogno per elevarsi e ritagliarsi una vita degna di essere vissuta. Proprio questa calata nel quotidiano, nella soluzione di problemi pratici, mi ha permesso di liberarmi degli ostacoli che mi separavano da un abbandono totale del mio essere, alla lettura e al ritorno nella natura. Mi sento pronta per vivere per la vita. Mi sento pronta perché il mio progetto sia esclusivamente vivere… ora che non devo dimostrare più nulla a nessuno; ora che ho già lanciato i miei dadi; ora che non ho più obiettivi irraggiungibili da perseguire; ora che non sono più tenuta a riprodurmi per garantire discendenza al genere umano… ora, sono totalmente libera.

Un commento su “Passaggi – vivere per vivere

  1. utente anonimo

    Rileggendo questi post ho ripensato a quello che hai passato nei mesi scorsi… 🙁 Sei una donna forte, hai attraversato un periodo davvero difficile, ma finalmente è passato. E per il tuo futuro ti auguro ogni bene, lo meriti :-*Ciao Tis, buona domenica :-)Giuseppe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *