Stella, se vuoi andare vai… ti lascio libera!

E’ passato del tempo da quando Stellina è andata via per sempre. Non sono riuscita a scrivere niente, un po’ per mancanza di tempo, essendo presa, con mio rammarico e disappunto, da faccende mondane, un po’ perché un dolore così grande, è muto.

Sapevo che mancava poco al giorno della grande separazione, perché Stella, quel battuffulo caldo e vivo che si aggirava industurbato per la casa, era malata, e a detta della veterinaria, era spacciata. Ce l’ha messa tutta per resistere e non lasciarmi da sola, nonostante in momenti di debolezza e di grande stanchezza percepivo tutto il peso di doverla assistere… 15 anni sono tanti, si costruiscono infiniti ricordi e si condividono gioie e dolori. Stella è stata con me attimo per attimo, senza mai tirarsi indietro, nella buona e nella cattiva sorte. Mi sopportava e mi coccolava; quando era ancora un gatto sano, mi riscaldava il letto e mi aspettava per dormire insieme. Mi voleva sempre, con tutti i miei limiti e tutti i miei difetti. Potevo farle di tutto: si fidava ciecamente di me, non mi ha mai temuta, e percepiva fino in fondo il grande bene che le volevo. Io non ho saputo difenderla dalla sofferenza e dalla morte e l’unica cosa che mi consola, è di averle offerto una vita piacevole. E’ morta a casa sua, tra gli odori familiari, quasi tra le mie braccia, facendo le fusa. E’ morta tentando di vivere ancora, ma circondata di amore e di affetto. Ha saputo aspettare per avere un posto nel nostro giardino, dove ora riposa e dove pianterò una rosa bianca a sua eterna memoria. Il corpo mortale di Stella è stato avvolto in un foulard di seta e adagiato in una mini bara di legno. L’abbiamo seppellita con tutti gli onori e cosparso la sua tomba con petali di fiori. Era il 18 giugno 2010, giusto 15 anni dalla sua nascita.
Con la morte di Stella si chiude e si suggella definitivamente un capitolo della mia vita. Se tutto ha un senso, devo ripartire da questo immenso ed incolmabile vuoto… devo rinascere a nuova vita.
La sera prima che morisse, mentre tenevo in braccio il suo corpo ridotto ad un mucchio di ossicine, e mentre lei mi fissava facendomi le fusa, le ho detto: Stella, se vuoi andare vai, non soffrire per restarmi vicino, ti lascio libera… da qualche parte, in qualche tempo, io e te ci ritroveremo, le nostre anime si ritroveranno… ne sono certa.

23 commenti su “Stella, se vuoi andare vai… ti lascio libera!

  1. WebLogin

    Bello questo post per Stellina. Ricordo che uno dei primi post che ho letto era su Stellina e altre volte era vicino a te mentre chattavamo… Mi dispiace tanto, so che le volevate molto bene, era parte della tua famiglia.

    Un caro abbraccio Tis, e un pensiero per Stellina

    Giuseppe

  2. Tisbe

    @Giuseppe, sì, sicuramente faceva parte, anzi fa parte della mia famiglia… la famiglia, per quanto mi riguarda non ha un valore biologico, ma è l'insieme delle relazioni affettive del nostro vissuto@Spartacus, grazie per questo commento. Io credo che se non si fosse ammalata qualche anno in più avrebbe potuto viverlo…@Alberto, auguro lunga vita al tuo gatto, perché il momento della separazione è durissimo, e non si è mai preparati abbastanza.@pattume, solo che ha vissuto un rapporto intenso con un animale può capire cosa si prova… sono felice di aver condiviso con gli amanti degli amici pelosi le mie emozioni…Un abbraccio forte a tutti

  3. utente anonimo

    Capisco benissimo di cosa parli, la sua serietà, la sua autenticità.Ed è proprio come dici: il dolore grande è cupo, ammutolisce.Prima di scrivere questo, avevo cominciato già a scrivere un commento,stavo scrivendo del mio cane ma… ho dovuto smettere ed anche adesso, ho la gola stretta da quel dolore muto che dici, per non parlare dello stomaco..meglio parli di te e di Stellina.Sono anch'io certo che vi ritroverete;ne sono certo perchè è giusto, perché sono convinto che i sentimenti autentici, le cose belle, non si perdono mai davvero: anche se a volte intraprendono strani e misteriosi percorsi, sanno riconoscersi, ritrovarsi.Tu e Stellina vi siete già scelte, riconosciute e siete già qualcosa di bello insieme, lo sarete,non avete mai smesso davvero di esserlo,vi ritroverete.Nessun luogo è davvero lontano per qualcosa di belloe di vero.Vi incontrerete nuovamente e l'energia per renderlo possibile,sarà la sincerità della tua sensibilità e dei tuoi sentimentie la spontaneità di Stellina, la stessa energia che è intervenuta tra voi ed ha fatto il vostro,un rapporto speciale.Alieno

  4. Tisbe

    @Alieno, grazie@TYTTY, sì, è molto doloroso perché paradossalmente il rapporto con un animale domestico è molto più pieno di quello con un essere umano…

  5. utente anonimo

    Un mesetto prima della tua, se n'é andata la mia piccola Mila.Si assomigliano pure, se n'é andata senza disturbare troppo, come ha sempre fatto nella sua vita. Perché lei era presente sempre, partecipava alla famiglia a modo suo e si faceva amore da tutti.Ci ha lasciato un gran vuota ma la consapevolezza di averle dato una bella vita in cambio di tutto il suo amore e dellla sua fiducia.Ci ha lasciato poco dopo il mio arrivo, dopo un ultimo disperato balzo per venirmi incontro, é spirata guardandomi mentre le tenevo il musetto  sulla mia mano.L'ho sepolta io sotto un grande albero un faggio Tricolor che lei adorava come lo adorava mio padre, l'ho fatto dicendole addio mentre pronunciavo parole di consolazione per mia madre, l'ho fatto per averla sempre con noi perché era una di famiglia.Addio Mila, addio stellahttp://www.flickr.com/photos/8597453@N02/523120099/

  6. ElGiramundoBlog

    Ommioddiooo, Tis…apprendo ora e mi dispiace tantissimo…Da anni seguivo con passione le storie degli spaccati di quotidianità con Stella…Un grandissimo abbraccio…credo che ogni altra parola potrebbe essere superflua o quasi fastidiosa…sappi che comprendo, essendo nato e cresciuto con i gatti e la loro compagnia, comprendo tutto ciò che ha comportato e comporta la perdita…

  7. Tisbe

    #12, ho visto la foto di Mila, ed affettivamente lei e Stella si somigliavano. Dico bene: era una della famiglia. Grazie al tuo commento e agli altri, mi sento meno sola. Grazie!@Enzo, sì, ho scritto spesso di Stella, devo dire che mi ha fatto ridere spesso con le sue marachelle da gatto 😉

  8. sonia

    ciao Tina, ieri mi sono ricordata di questo tuo post. E mi sono detta che in un certo qual modo abbiamo dei paralleli io e te. Anche io ho cambiato casa, ho chiuso un periodo della mia vita, anche se continuo ad essere in terapia per il tumore, e a chiusura di questo periodo purtroppo la mia gatta, che mi è stata sempre vicina in tutti i miei momenti difficili, sta morendo per un tumore al fegato, quindi capisco molto bene quello che hai provato con la tua Stella.
    un abbraccio sonia

  9. Tisbe Autore del post

    Che strana la vita! Meno male che esiste internet, almeno per me ha rappresentato la possibilità di sentirmi meno sola e di incontrare persone con le quali condividere gioie e dolori, idee e sensazioni, vissuto e ricordi. Chissà se le vite parallele hanno un senso… chissà se un giorno ci sarà concesso di incontrarci. Stella è stata una presenza costante nella mia vita per 15 anni, adesso è un'altra vita e non so dire se peggiore o migliore… di certo se ne è andata dopo avermi "guarita" interiormente. Se ne è andata perché non avevo più bisogno di lei. Sono convinta che tutto ha un senso a questo mondo, e forse, il giorno in cui abbracceremo il sonno per sempre, ne scopriremo il mistero. Un abbraccio forte…

  10. giorgiogiacinto

    mi è piaciuto veramente, non sono uno spassionato degli animali ma so apprezzare la loro lealtà, fiducia (a volte malriposta) e affetto grazie per averlo postato, ciao cgdg

  11. stefano

    Ciao,
    non so come mi sono imbattuto oggi nel tuo post su Stella…. e mi sono commosso, soprattutto perchè in questa situazione mi ci sono riconosciuto in pieno. Ormai tre anni fà ci ha lasciato Pallino, il nostro amato soriano rosso, allo stesso modo, dopo 16 anni e una sofferenza protrattasi per un mese. Ho avuto il conforto di averlo in braccio nell'attimo in cui spirava, ma il senso di perdita è stato atroce, immenso. Anch'io l'ho sepolto nel giardino della casa, però di vacanza al mare, dove sono sicuro Pallino ha passato le ore più felici, disponendo sia dello spazio che in città non poteva avere sia anche della disponibilità di tutti noi in famiglia, io e mia moglie più liberi da impegni di lavoro, i figli dalla scuola. (segue)

  12. stefano

    Sono passati tre anni giusto in questi giorni e trovare il Tuo post proprio ora mi ha un pò sconvolto…. però la vita va avanti ed ora (dopo aver giurato mai più per il troppo dolore) nel nostro cuore questa estate è entrata una trovatella abbandonata piccolissima dalla madre, Titti (che ironia per un gatto il nome del canarino…), che ci dà nuovamente tanta gioia…forse ora ti sembrerà impossibile, assurdo o ingiusto nei confronti di Stella ma presto qualcunaltro potrebbe venire a custodire la serenità domestica della tua casa, magari inviato da Lei….
    Ciao

    1. Tisbe Autore del post

      Solo chi ha avuto un legame profondo con un animale può capire… gli altri non possono nemmeno lontanamente immaginarlo… Sì, ora mi sembra impossibile avere un altro animale. Mi sembrerebbe di tradirla. Grazie Stefano 🙂

  13. patty

    i nostri piccoli amici a 4 zampe sono adorabili x tutto l'amore che ci danno chiedendo pochissimo in cambio. a volte penso che sono dei piccoli angeli e perderli è molto doloroso Patty forever

  14. PierAngelo soorbole

    Be , credo che sia una bella cosa , aver avuto vicino un bel batuffolo bianco a quattro zampe, come Stella che per 15 anni ha condiviso con lei tanti momenti belli o meno. La cosa che fà bene è senz'altro il sentimento che si prova per loro , gli animaletti domestici . Possono essere belli o brutti ma quando ci si affeziona non ha importanza come sono. Entrano in punta di piedi giorno dopo giorno, nella nostra vita e poi all'improvviso fanno parte della famiglia, in modo insostituibile. Mi permetto di darle un piccolo consiglio, ripeta l'esperienza , in fondo ricordare è bello ma con un'altra Stella , magari è ancora meglio. Comunque sia le auguro un buon 2011 , arrivederci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *