Santoro sospeso: quando si ignora una sentenza della Cassazione

Mi è arrivata come un fulmine la notizia della sospensione di Santoro dalle reti pubbliche. La sua grave colpa è quella di aver detto durante il monologo della prima puntata di Annozero 2010, “vaffan bicchiere”. Il presentatore sarà sospeso per 10 giorni a partire da lunedì 18 ottobre e molto probabilmente salteranno ben due puntate della celebre trasmissione che va in onda ogni giovedì su Rai2.

Ora non voglio nemmeno impelagarmi definendo Masi un censore, perché sarebbe un complimento, ma voglio ricordare che le sentenze andrebbero rispettate, ed anche la volontà dei telespettatori come me, che pagano un canone Rai per ricevere un servizio inguardabile e servo del potere.

Vorrei ricordare a Masi e ai vertici della Rai che esiste una sentenza della Cassazione n.27966 del 13 luglio 2007 che ha depenalizzato il “vaffanculo”.

Indignarsi di fronte a quest’ennesimo sopruso di sua maestà Silvio Berlusconi è il dovere di ogni libero cittadino democratico!

7 commenti su “Santoro sospeso: quando si ignora una sentenza della Cassazione

  1. wiBlog

    Mah, a parte che in TV si vede veramente di peggio (proprio adesso ho sentito Sposini insultare noi meridionali, ha descritto un fatto di cronaca parlando di "omertà tipicamente meridionale") ma poi io trovo molto più volgare e soprattutto disonesto quello che era emerso dalle intercettazioni di Trani, cioè il complotto contro Santoro e le altre persone indicate da Berlusconi.

  2. ermahico

    Non hanno limite.
    C'è da stupirsi che non abbiamo reintrodotto la gogna in pubblico loco. (parlo di quella fatta con due assi di legno e ferro)
    che brutto paese siamo diventati.

    1. Tisbe Autore del post

      E' vero, non abbiamo mai particolarmente brillato con i governi passati, ma con questo abbiamo toccato il fondo. Peggio di così non ci poteva andare: incapaci, autoreferenziali, arroganti antidemocratici, populisti … una serie di aggettivi inqualificabili

  3. duhangst

    E tutte le volte che siamo stati insultati perchè non si votava il Sig. B.? A lui nessuno lo censura? E per il complotto contro Santoro qualcuno pagherà?
    Purtroppoi il dissenso anche partigiano, non è più per questo paese e la cosa fa paura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *