Filogenesi ed ontogenesi del berlusconismo

Berlusconi ha già vinto.

Ha vinto perché rimarrà nella storia. Ha vinto perché ha dato vita ad un neologismo di tutto rispetto: il berlusconismo.

Che cos’è il berlusconismo? E’ uno stile di vita che ha radici molto profonde ed ha trovato un ottimo humus nella precostituita società italiana. Su Wikipedia troverete una buona esposizione di questo neologismo.

Secondo il mio modesto parere, la fortuna di Berlusconi è da ricercare nel favorevole e propizio momento storico nel quale la sua personale filosofia di vita si andava ad innestare. La sua visione ottimistica cadeva a fagiolo nel periodo in cui si erano dissipati i fantasmi della lotta armata. Gli italiani assaporavano i frutti dell’onda lunga da boom economico e la memoria storica della miseria del dopoguerra lasciava il posto ad un eccesso di entusiasmo per le possibilità future. Tutto questo accadeva nei primi anni ottanta, quando lo stato si sbarazzò delle ultime colonne brigatiste e l’abbigliamento dei giovani subiva una drastica modifica. Erano gli anni dello yuppismo e dei “paninari” gente rampante, con abiti griffati ai quali i soldi uscivano dalle orecchie. Anche la Tv stava cambiando e modellando i costumi degli italiani. Alla Rai che fino a quel momento aveva svolto un ruolo educativo ed aveva contribuito a far arretrare l’analfabetismo di ritorno, si affiancarono i canali Fininvest opportunamente favoriti da alcuni decreti detti “Berlusconi” che ne consentivano uno stato di privilegio abbondantemente anticostituzionale. Canale5 Italia1 e Rete4 cominciarono lentamente a corrompere l’animo degli italiani e prepararono il terreno alla discesa nel campo della politica da parte di Berlusconi. Mentre la Chiesa Cattolica era tutta presa a censurare capolavori ed opere d’arte, i canali del futuro premier propagandavano uno stile di vita privo di valori. Per anni gli italiani sono stati sottoposti e bombardati da messaggi subliminali tesi ad abbassare la soglia della loro capacità critica. Per anni è stato loro fatto credere che il “sogno italiano” capitato solo a Berlusconi era accessibile a tutti! La Tv alternativa alla Rai è diventata una fabbrica di propaganda politica mascherata da disimpegno, consumismo, divertimento e spensieratezza. Con le sue Tv Berlusconi ha cominciato a costruire l’identikit del suo futuro elettore medio: analfabeta di politica, qualunquista, privo di idee, arrampicatore sociale, egoista, scansafatiche e coltivatore del proprio “privatissimo orticello personale”.

E’ irrazionale pensare che un uomo da solo abbia potuto compiere un tale scempio della società civile e della democrazia italiana, però bisogna valutare che questo processo è stato lungo ed è cominciato con lo yuppismo dilagante nei primi anni ottanta. La conseguenza è stato, difatti,  il fenomeno del berlusconismo, perché come popolo non avevamo gli opportuni anticorpi in grado di proteggerci. Berlusconi ha solo approfittato dell’ingenuità degli italiani e della loro assoluta mancanza di senso sociale e dello stato, della loro propensione a curare solo ed esclusivamente il proprio orticello personale.
L’unica medicina contro questo cancro del terzo millennio è l’impegno e l’educazione di una nuova generazione di italiani capaci di sottrarsi alle ammalianti lusinghe del berlusconismo.

14 commenti su “Filogenesi ed ontogenesi del berlusconismo

  1. Antonio

    Ciao Tsbe, già una volta , tempo fa, ti scrissi una mail, ma non hai mai risposto. Perchè? Mi piace il tuo post e lo condivido in pieno. Proprio stasera ho scritto qualcosa a proposito sul mio recentissimo blog intitolato "il bulino poetico" che puoi trovare a questo link http://antonio37.myslang.eu/wp-login.php -Ogni volta che mi capita di incontrarti sul Web sono sempre contento di guardare la tua foto. Per me penso che tu sia una donna dolce, di grande cultura e di un'interiorità profonda. Sarei molto contento di averti per amica e di conoscerti di persona. A presto. Antonio37

  2. annalisa scardigli

    Quando ci fu il referendum sulle televisioni, molti pensarono che se avesse vinto la controparte, non avrebbero più potuto seguire i loro programmi preferiti in primis le telenovelle che in quegli anni andavano per la maggiore, anche la mia dottoressa voto' a favore, ed io ho cambiato medico, non potendo cambiare Premier…..

    1. Tisbe Autore del post

      Hai proprio ragione! L'italiano medio risponde di pancia e non pensa alle gravi conseguenze che un piccolo piacere privato porta alla comunità e alla qualità stessa della vita!

  3. Roberto Vai

    Ritengo che l’analisi evidenzi degli aspetti che hanno senz’altro un fondo di verità, ma che tuttavia essa non colga il cuore del problema.
    Sono infatti convinto che la causa del berlusconismo sia da ricercarsi più in profondità.
    Questa causa è una radice maligna che avvinghia il cuore stesso del mondo occidentale (che è ormai diventato il mondo intero) e che in Italia pare prosperare al meglio.
    Questo male è il Nichilismo!
    Un male che ha già dato prova di sé con il nazismo e il fascismo, e si è ora manifestato nuovamente con il berlusconismo. Forme diverse di manifestazione, ma la causa è sempre la medesima: Nichilismo.
    Ovvero il convincimento, subdolo perché sovente inconsapevole, che la Verità non esista.
    E quando la Verità non esiste, non esiste neppure la Giustizia, ed è permesso tutto e il contrario di tutto, perché ciò che conta è il proprio piacere.
    E allora si segue il primo pifferaio magico che passa, in grado si soddisfare le proprie visceralità.

    Le religioni, tutte le religioni, sono state dei rimedi per combattere il nichilismo. Ormai esse sono però diventate dei rimedi poco efficaci, così come è diventato difficile credere in un’ideologia. Questo crollo di “verità” in cui credere ha travolto l’argine eretto contro il nichilismo.
    Che si manifesta ora soprattutto come nichilismo debole, vigliacco, incapace di guardare onestamente in se stesso, e si aggrappa allora ad ogni visceralità capace di far scordare l’angoscia esistenziale che sotterranea scardina ogni sicurezza.

    Sono convinto che sia ormai urgente affrontare il nichilismo, farcene una ragione, guardare nell’abisso. E allora, da quell’orrore, potrà forse nascere un nuovo lancio verso la Verità.

  4. Carlo

    Pur condividendo l'analisi: non fanno una grinza il ragionamento esposto e la spiegazione della nascita del berlusconismo, credo che non si possa ridurlo all'iniziativa di un singolo imprenditore più furbo e più scaltro degli altri; allo spirito vorace di un solo caimano; all'azione di un italiano più intelligente degli altri italiani. Bisognerebbe affondare l'analisi su ciò che il signore di Arcore rappresenta e su chi rappresenta, perché penso che per la necessaria deberlusconizzazione del Paese si debba cominciare a sfatare il mito di re Silvio self-made-man, evidenziando invece gli interessi capistalistici e neoliberisti di cui è un semplice portavoce. Di certo oggi l'Italia è completamente berlusconizzata. Tutto è stato contaminato dall'ideologia di "canale5", ma basterebbe ricordare le teorie di Debord sulla "società dello spettacolo" per calibrare meglio le analisi critiche nei confronti del premier padrone dell'informazione televisiva e non solo… E comunque complimenti per il Blog…

    1. Tisbe Autore del post

      Grazie Carlo, per il commento e per i complimenti al blog. Ci troviamo di fronte ad una nuova grande sfida. Mentre in passato era sufficiente abbattere le statue dei dittatori per riappropriarsi simbolicamente della libertà, oggi questa operazione richiede molta più determinazione e capacità teorica, perché i simboli esistono sul piano virtuale, nonostante abbiano una forte ricaduta sul reale. Non sarà facile sradicare il berlusconismo dalla società italiana. Ci vorrebbe un miracolo, oppure una mente geniale in grado di vedere oltre l'orizzonte…

  5. antonio gentile

    Certo, ha vinto perchè resterà nella Storia come peggiore esempio di governante italiano…contento lui ed i suoi sostenitori…

  6. SERGIO

    SAPETE RAGAZZI COME LA PENSA IL MANIACO DI ARCORE? VELO SPIEGO IO. "TUTTE LE DONNE SONO P U T T A N E, TRENNE, LE NOSTR MAMME, SORELLE E FIGLIE" VI GARANTISCO FRATELLI CHE ESSENDO UN CASSINTEGRATO CHE VUOLE VOMITARE ADDOSSO A QUEL LURIDO DI ARCORE, HO ANALIZZATO OGNI CELLULA DI QUEL CERVELLO MALATO E MANIACO DEL PREMIER. E NON TIRIAMO I PIEDI AI MAGISTRATI CHE LO VOGLIONO SBATTERE IN CARCERE, PERCHE' QUEL FIGLIO DI TROIA FACEVA REGALINI ALLE SUE FALENE DEL BUNGA BUNGA, IN UN DOPOCENA SOLO,50,60 MILA EURO CHE ALLA MIA FAMIGLIA CI FACEVA CAMPARE BENE 3 ANNI. SVEGLIATEVI!!!!!. QUEI REGALINI DI 30,40 MILA EURO CARI MIEI LI FACEVA CON I SOLDI DEGLI ITALIANI.!!! APRITE GLI OCCHI ,PERCHE' FACEVA ACCOMPAGNARE LE SUE TROIE, CON LE MACCHINE BLU' DELLO STATO. UN FINE SERATA HA DATO A RUBY UNA BUSTA DI 47.000 EURO. CHIAMATE UN 118 PERCHE HO APPENA SENTITO PER RADIO CHE AI CARABINIERI HA CONFIDATO CHE SE NON AVESSE FATTO IL MAIALE TRUFFATORE IPOCRITA DEPRAVATO, OSSESSIONATO DAL SESSO CONSUMATO CO STRAFICHE MINORENNI, AVREBBE FATTO IL,SENTITE UN PO' , IL C A R B I N I E R E.!!!!!!! CAPITE' PERCHE SI MERITA, PESCI IN FACCIA , PERCHE' OGNI VOLTA CHE APRE BOCCA ,CI PRENDE PER IL CULO!!!!!!!. LO GIURO SU QUEL BUON GESU' CHE PRENDERE OPER IL CULO GLI ITALIANI E' IL SUO SCOPO DI VITA.!!!!!!! QUESTO FOTTUTISSIMO LADRONE, NIENTE LO FA 'CAMBIARE, LA SUA DROGA DOPO LE SUE FOTTUTISSIME TROIE ,SIAMO NOI, LA TOTALITA' DEGLI ITALIANI DA PRENDERE PER IL CULO!!!!!!!!!

    1. max

      Credo che, per esseri come té, un ricovero coatto in manicomio sine die sarebbe per te una speranza, per noi la tranquillità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *