Intervento in Libia? Ni!

Il mondo si è spaccato, anche la sinistra. Quel che è peggio, si è spaccato anche il governo italiano.

Non voglio e non posso dilungarmi perchè credo che la verità su tante questioni legate alla Libia e agli interessi internazionali, ci sfuggano e non siano alla nostra portata.

Questa volta, lo ammetto, non ho le idee chiare e sono confusa. Avanzo dei seri dubbi circa l’intervento contro Gheddafi; ma ne nutro almeno altrettanti verso lo “stare a guardare”. Io credo che quando si sceglie di percorrere la strada della guerra, si è già perso in partenza. Però credo anche che i libici in guerra già c’erano, e almeno per questa volta, il caos e la violenza non sono stati importati dall’occidente.

Quello che mi infastidisce di questa guerra, che va chiamata con il proprio nome e non liquidata come “missione di pace”, è l’intervento a posteriori, molto a posteriori.

So bene che nella storia bisogna eliminare i “se”, ma non posso non pormi alcune domande che la mia coscienza di cittadina del mondo mi impone.

Saremmo intervenuti in Libia se non ci fosse stato il disastro nucleare in Giappone? Se l’Europa non avesse messo tra parentesi la corsa al nucleare, anticipando la fame energetica, avrebbe davvero difeso gli interessi dei ribelli facendosi paladina dei diritti umani?

Io ne dubito fortemente! Tante risoluzioni dell’Onu, alcune anche nei confronti di Israele, non sono rispettate, e nessuno si impegna a farle rispettare, solo perché non ci sono interessi economici in ballo.

Diciamocela la verità, nuda e cruda: il denaro vale molto più di una vita umana!

Un commento su “Intervento in Libia? Ni!

  1. filomena 53

    Questa è l'arroganzia dell'ocidente che non si smentisce mai, e questi crettine della Lega Nord che si metteno fare buon viso a cattivo gioco, come se anche loro non facessi parte dell'imbroglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *