Il mio NO al nucleare non nasce sull’onda emotiva

Il terremoto, di cui già i Tg nazionali si sono dimenticati, occorso di recente al Giappone, contiene in sè un disastro maggiore: il pericolo nucleare (Fukushima).

A seguito di questo spaventoso evento, i governi europei si sono affrettati a ripudiare il sistema nucleare come modo privilegiato di produrre energia, tanto è che si sono avventati sulla Libia, non per difendere le popolazioni da un pazzo sanguinario che le vessa da decenni, ma per spartirsi la torta petrolifera.

Il movimento antinucleare ha ripreso vigore giocando sull’effetto emotivo e sulla naturale paura scatenata dagli incidenti avvenuti nelle centrali nucleari giapponesi… come se non si conoscessero già. Come avevo evidenziato in un mio post precedente, e su altre questioni, molte persone non hanno il dono della fantasia, non sono sufficientemente visionarie e non sanno guardare oltre la loro realtà tangibile. Questo comporta la loro totale inadeguatezza a prendere decisioni utili per l’umanità intera.

Io sono DA SEMPRE contro il nucleare, senza se e senza ma, e non avevo bisogno di un disastro di questa portata per capire che al momento non è una strada percorribile, soprattutto in Italia, ove l’attività tellurica è molto simile a quella giapponese.

Paradossalmente sono contro il nucleare oltre che per questioni ambientali, anche per questioni economiche. Il nucleare non conviene!

E’ soltanto un modo vergognoso di far pagare alle generazioni future il nostro abuso energetico.

Ho trovato in rete un interessante articolo che mi viene a sostegno. Costruire una centrale nucleare è dispendioso già nel presente. Per recuperare la cifra investita sono necessari decenni di funzionamento, ma la parte più amara della vicenda è il costo dello smantellamento. In buona sostanza le generazioni future erediteranno un pesante debito per la nostra voracità energetica.

Davvero non c’importa nulla dei nostri figli e dei nostri nipoti?

Davvero siamo così vergognosamente egoisti da pensare soltanto al nostro benessere senza lasciare alcuna possibilità a chi verrà dopo di noi?

Io auspico una decrescita felice che non è affatto utopica e ci consentirebbe di vivere meglio nel pieno rispetto del nostro pianeta e dei nostri figli.

Per concludere vi consiglio la visione di un discorso tenuto da una bambina, probabilmente lo avete già ascoltato, ma fatelo di nuovo! Prendetevi 6 minuti di tempo per scegliere il vostro futuro e quello di chi verrà dopo di voi.

Video: la ragazzina che zittì il mondo per 6 minuti

11 commenti su “Il mio NO al nucleare non nasce sull’onda emotiva

  1. wiBlog

    Non sanno neanche come smantellare le centrali vecchie e vogliono farne altre?! Il nucleare per me è una scelta sbagliata per tanti aspetti ed è da egoisti!

    "[…] Tutto ciò sta accadendo sotto i nostri occhi e ciò nonostante continuiamo ad agire come se avessimo a disposizione tutto il tempo che vogliamo e tutte le soluzioni. Io sono solo una bambina e non ho tutte le soluzioni, ma mi chiedo se siete coscienti del fatto che non le avete neppure voi. Non sapete come si fa a riparare i buchi nello strato di ozono, non sapete come riportare indietro i salmoni in un fiume inquinato, non sapete come si fa a far ritornare in vita una specie animale estinta, non potete far tornare le foreste che un tempo crescevano dove ora c’è un deserto. Se non sapete come fare a riparare tutto questo, per favore smettete di distruggerlo. […]" (Severn Cullis-Suzuki)

    1. Tisbe Autore del post

      Sono degli irresponsabili, ma la cosa grave è che pagheranno, come sempre, gli innocenti, mentre questa gentaglia si arricchisce e vive nel lusso!

  2. Jonny Dio

    Aggiungo che il considerare meno valida la volontà di qualcuno, solo perchè spinto dall'onda emotiva, sia un'immane cazzata; si riempiono sempre la bocca della volontà popolare, e, se il popolo sceglie di manifestarla anche in base all'emotività del momento, come avviene per tutte le cose, io penso che ne abbia pieno diritto; diversamente, equivarrebbe a dichiararci tutti incapaci di intendere e volere.

    Inoltre, ovvio che a noi importa dei nostri figli, come è ovvio che a chi ci governa no, ma suppongo la tua fosse una domanda retorica…

  3. Renzo

    vorrei allegare un bellissimo testo sul tema, non mio, ma di persona molto piu' qualificata, come faccio?
    Renzo

  4. Renzo

    vorrei allegare un bellissimo testo sul tema, non mio, ma di persona molto piu' qualificata, come faccio?

  5. giagio47

    NON TRARRE IN INGANNO LE PERSONE
    SE SEI VERAMENTE CONTRO IL NUCLEARE SPIEGA CHIARAMENTE CHE IL REFERENDUM VUOLE ELIMINARE UNA LEGGE CHE GIA' ESISTE E QUINDI SI DEVE VOTARE " SI " PER ELIMINARE IL RISCHIO CHE ANCHE IN ITALIA SI FACCIANO LE CENTRALI NUCLEARI.
    SE SEI SINCERO, MI ASPETTO DI LEGGERE UN TUO AMPIO CHIARIMENTO SULL'ARGOMENTO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *