Tempi duri per i ministri: è partita la Class Action la diffida verso Gelmini e Brunetta

C’è chi ha portato avanti una campagna contro i giudici, adducendo come motivo: “chi sbaglia deve pagare di tasca propria”. Ed ora questo principio così voluto e così esaltato dal governo, si rivolta contro come un boomerang dall’effetto devastante. Probabilmente i ministri non potranno mai pagare per i danni che hanno creato alle casse dello stato, probabilmente come al solito saranno i cittadini a dover far fronte alle gravi inadempienze dei ministri remunerati a peso d’oro, ma almeno che costoro facciano la fine che gli incapaci fanno negli Stati Uniti: in mezzo alla strada a chiedere elemosina! Non si può invocare lo stato liberale e la legge di mercato solo quando fa comodo!

Già dal 26 di marzo, alla notizia del maxirisarcimento ai precari della scuola pubblica, si intravedeva un cattivo presagio per i ministri italiani, ma la notizia che giunge oggi è davvero impressionante e senza precedenti.

(ASCA) – Roma, 29 mar – ”E’ partita oggi la piu’ grande class action pubblica mai avviata in Italia. Al centro il mondo dell’istruzione, rappresentato dai precari della scuola e dai professori universitari a contratto, che dichiarano guerra allo Stato Italiano allo scopo di far valere i propri diritti”. Lo annuncia il Codacons spiegando che ‘‘il primo passo di tale mega-azione collettiva, e’ stata la notifica oggi di una diffida al ministro della Pubblica Istruzione, Mariastella Gelmini, e a quello della P.A., Renato Brunetta, con la quale 40mila precari della scuola chiedono la stabilizzazione della propria posizione lavorativa, e 30mila euro ciascuno di risarcimento per le mancate retribuzioni corrisposte e per i danni subiti’‘.

Si tratta di una notizia epocale. Ovviamente chi vi scrive è felice di una iniziativa del genere, ma ciò che mi preoccupa è la collocazione di un peso economico di tale portata. Non vorrei che come al solito dovrà essere il cittadino a dover mettere le mani nella propria tasca, mentre il premier aumenta del 77% il suo capitale… mentre il figlio di un noto politico, senza né arte né parte, percepisce 18mila euro mensili di stipendio.

Gli italiani hanno il DOVERE di indignarsi e di costringere questi dilettanti della politica ad uscire di scena per evitare danni ancora più fatali.

29 commenti su “Tempi duri per i ministri: è partita la Class Action la diffida verso Gelmini e Brunetta

  1. Chit

    Ho seguito la vicenda per via "indiretta" (vicina fortemente coinvolta) ed hai magistralmente riassunto la notizia. Come se non sempre spesso laddove c'è una buona c'è anche una meno buona notizia. Quindi se da un lato si gioisce per il barlume di giustizia e di diritto e queste sentenze lasciano intravedere, dall'altro sorge spontanea la domanda "ma quanto mi costa?".
    Perchè se c'è una cosa la politica italiana degli ultimi decenni ha insegnato è che lei non paga mai!!!

    1. Tisbe Autore del post

      L'ultima volta che la politica ha pagato è stato a Piazzale Loreto, ma a quanto pare la lezione non è bastata, oppure si sta affievolendo la memoria storica.

  2. anakon

    e' tutTo sbagliato: bisogna risalire a CHI HA CREATO TUTTI QUEST PRECARI? L'ULTIMO GOVERNO DI SINISTRA E SONO PURTROPPO STATI EREDITATI DAL GOVERNO BERLUSCONI.nessuno conosce questi fatti o fanno finta, perchè sono tutti comunisti

    1. gian

      Purtroppo l'assunzione dei precari risponde spesso ad esigenze politiche e clientelari (ti assumo con il contratto di un anno e poi nella selezione pubblica ti assegno un punteggio extra che per forza di cose è determinante nell'assunzione a tempo indeterminato),
      Questa tattica la usano tutte le amministrazioni locali(destra e sinistra) e fa si che i meritevoli e capaci se non hanno adeguate entrature possano solo trovare lavoro nel privato con più rersponsabilità e minor retribuzione.
      I vecchi criteri di selezione per conocorso invece consentivano una selezione più rigida in base alle capacità effettive anche per chi non aveva la tessera del partito,

      1. Tisbe Autore del post

        Beh, questo funziona soprattutto nelle scuole private a matrice cattolica, quelle preferite dall'attuale governo che toglie alla pubblica e dà alla privata

    2. Massimo

      anakon,vaffanculo,io sono un precario che ha lavorato per dieci anni nella scuola pubblica è sono stato tagliato e adesso mi ritrovo con moglie e figli a casa disoccupato. E' un 'ingiustizia cacciare 4.770 precari in Campania in una regione dove non c'è lavoro!

    3. nellaj

      Povero Governo Berlusconi…..quante brutte eredità!
      MA LA VOLETE SMETTERE DI CREDERE NELLE BALLE CHE VI RIEMPIONO LA TESTA, IMPEDENDONE IL NORMALE FUNZIONAMENTO?
      Sono precaria e grazie al tuo tipo di Governo, mi sono vista rallentare le assunzioni (Roma 26 assunzioni all'anno!!!)

  3. gabriele silletti

    Mi rivolgo a anakon:ti sei messo i paraocchi ed i paraorecchi.Questo mi sembra, come se vivessi in un altro mondo, a meno che anche tu venga strapagato per postare.SVEGLIATIIIIII::::::::::::::::::::::::::

  4. Marco Fruscalzo

    …x ANAKON ma lei crede ancora in QUESTI POLITICI?…x tutti queli che ancora credono in Silvio Berlusconi. Ma anche la Ruby è una comunista che ha mentito al povero Silvio, che povero ingenuo ci è caduto e, nell'ordine:
    -nonostante le misure di sicurezza pagate da tutti noi, ha creduto al fatto che fosse maggiorenne
    -ha creduto anche che fosse la nipote di MUBARAK, e sempre senza controllare, ha chiamato la questura…
    -la "nipotina" di MUBARAK, è passata quindi dalle mani della Minetti, a quelle di un PROSTITUTA BRASILIANA…bel modo di preoccuparsi della "nipotina" di MUBARAK.

    Questi SONO FATTI!

    1. anakon

      io mi attengo ai fatti storici dei governi di sinistra, negli anni 70 – 80 nelle università italiane vi erano circa 250.000-300.000 precari: borsisti, assegnisti e contrattisti, tramite apposito decreto tutti costoro furono assunti op-legis,senza concorso-poi era il periodo delle brigate rosse e di una grande disoccupazione i governi di sinistra hanno assunto nelle pubbliche amministrazioni milioni di dipendenti. onde evitare tanti problemi.poi a me di berlusconi non interessa nulla però è meglio di tutti quelli del P.D.

    2. danysues

      Dite tutti delle cose giuste, c'è un'eredità pesante da smaltire, gli sprechi esistono e sono sotto gli occhi di tutti, è vero che i governi precedenti hanno utilizzato in maniera impropria le risorse, è vero che il governo attuale scarica sui governi precedenti le responsabilità senza porre adeguato rimedio (non è per questo che si sono fatti eleggere? Salvare il paese mandato in rovina dagli altri?), è vero che sono tutti comunisti, per lo meno tutti i fascisti sono comunisti e tutti i comunisti sono fascisti….
      L'unica verità in cui mi viene facile credere è che ci siamo noi (lavoratori, pensionati, studenti) e ci sono loro, destra o sinistra è irrilevante. Noi desideriamo vivere sereni senza troppo ambire (sperare di poter comprare casa o fare una famiglia non mi sembra ardito), loro si preoccupano di come intascare i soldi che entreranno dalle nuove accise sulla benzina…
      Credo che aprire gli occhi significhi smettere di credere in questi pseudo politici (TUTTI) e tirarsi su le maniche, mettersi seriamente al lavoro per riprenderci ciò che con inganno reiterato da decenni, ci è stato tolto… la dignità.

    3. nellaj

      X Grimarco-Bravo, la pensi davvero bene tu che credi che i panni sporchi si lavano in casa. Meglio tacere che conoscere la sporca e squallida verità! Ma questo va bene solo a casa tua e non nelle case di tutti quegli italiani che si vergognano del proprio presedente del consiglio.

  5. Matteo

    E' logico e lampante che i professori e i precari si uniscano in class-action per mantenere lo status quo, ma cio' non è piu' economicamente possibile. Lo sanno ormai anche le pietre che questa situazione di cieco assistenzialismo a carico della scuola sia stato voluto e applicato dai governicchi di sinistra. Ora che la frittata è stata fatta è difficile ricomporre le uova.

    E' come se ad uno di questi prof e prec, senza soldi purtroppo, si imponesse comunque di andare al ristorante tutti i giorni, sia per pranzo che per cena. Se non ci sono soldi non si mangia fuori casa. Se non ci sono soldi non si assume e si ridimensiona.

    Ma quello che nessuno capisce o per stupidità congenita o per mero interesse di parte, è che la situazione attuale della scuola non è altro che l'effetto, la causa è a monte ! Allora bisogna eliminare la causa per evitare che continui ad avere questi effetti devastanti. Difficile da capire ? Per certa gente sicuramente si, ovviamente per quelli che hanno generato tale causa: Prodi e D'Alema.

  6. vincenzo marti

    sono sconcertato di come si possano sparare cazzate simili su una rubrica di rilevanza nazionale come quella ospitata da virgilio in cui parliamo.
    Non sono mai stato un politicofilo (li ritengo parassiti al pari dei dirigenti e di certi magistrati) ma come si fa a ragguagliare lo sperpero economico , sia pur dovuto a scelte politiche clientelari o sbagliate, al non poter stabilizzare (tutti e subito) i precari per motivi di mancanza di risorse e di crisi della spesa pubblica. Che minchia centra, come direbbe Montalbano, l' incapacità poltica e la mancanza di risorse non possono essere oggetto di una class-action mentre un errore nell'esercizio di un servizio pubblico come la sanità, i calcoli statici di un edificio e/o di un potere pubblico come l'amministrazione della giustizia quelli si comportano una responsabilità civile di cui dar conto
    economico. CHIARO SAPIENTONA SINISTRO-QUALUNQUISTA CAGA SENTENZE TISBE o CHI TU SIA!!!!!!!

  7. mauven

    A piazzale loreto non ha pagato la politica. Ha pagato un tiranno che ha portato l'Italia alla rovina (quella vera).
    La politica negli ultimi 60 anni non ha mai pagato una volta e non pagherà neanche questa volta, mettendo tutto sulle spalle dei contribuenti. In tanti comunque nel corso dei decenni sono stati danneggiati dalle leggi dello Stato, ma la legge, anche se dura è legge. Questo dice la democrazia.
    Un'altra cosa è un errore per il quale è giusto pagare un prezzo: un medico, un avvocato, un giudice che sbaglia è giusto che paghino. Ma una legge è legge anche se non va a vantaggio di tutti e se addirittura danneggia qualcuno. dopo tutto in una società così diversificata è praticamente impossibile fare una legge che vada bene a tutti nello stesso modo.

  8. Tisbe Autore del post

    @Vincenzo Marti, ecco esattamente a persone come te farei pagare gli errori dei vostri beniamini! Essere eletti non significa vincere la lotteria, ma assumersi delle responsabilità e soprattutto i MINISTRI devono rendicontare di ciò che fanno, più di qualsiasi altro!
    E poi, sapientone, sai cos'è un SOCIAL NETWORK? Sono gli utenti che scelgono la notizia da far emergere!

  9. smaschera satana

    Ma quali precari da assumere!
    Se sono precari significa che avevano contratti a tempo determianto no?
    E allora perch' dovrebbero pretendere l'assunzione se non ci sono posti disponibili?
    Basta megaassunzioni pubbliche a spese degli altri cittadini!
    Anzi, lo stato dovrebbe togliere le pensioni abusive illegalmente concesse a tutti i baby pensionati, bloccare il turn over fino alla diminuzione di 400.00 dipendenti fannulloni di troppo, chiudere tutti gli enti pubblici e licanziarne tutti i megadirigenti iperpagati senza motivo, togliere le pensioni d'oro inique concesse in passato, abolire la pensione sociale (la pensione dovrebbe andare solo a chi versa contributi!) e impedire che cittadini stranieri usufruiscano di servizi pubblici gratuiti e assistenza gratuita se non sono regolari e contribuenti.
    Attenti che altrimenti la gente per bene passa all'azione come nei paesi arabi, pezzi di mangiapane a tradimento!

    1. Tisbe Autore del post

      Su alcune cose potrei essere d'accordo, ma su altre assolutamente no! Tutti i paesi civili hanno un welfare degno di questo nome. Lo stato non è un'azienda! E' una società e non è soggetta alle leggi economiche ma ha dinamiche molto più complesse. Invece di indignarti verso alcune categorie di lavoratore, ti invito ad indignarti verso i deputati e i ministri che vengono pagati a peso d'oro per portare questo paese alla rovina.

  10. Tisbe Autore del post

    @Matteo, dovresti sapere che chi gestisce un blog non passa tutta la sua giornata sul blog ad approvare commenti: lo fa solo in determinate ore, soprattutto per difendersi dagli insulti che lasciano i sostenitori del governo berlusconi (tanto per intenderci). Inoltre vorrei capire come mai da quando sta al governo mister b diventa sempre più ricco, in tempo di crisi, mentre lo stato italiano diventa sempre più povero? E se tu fossi un padre di famiglia taglieresti sul lusso oppure sulla salute e l'istruzione dei tuoi figli? SENTI A ME! SONO INCAPACI oltre che … altro che non posso dire, altrimenti rischio la galera… io sì, mentre quello che si fa le leggi ad personam NO!
    APRITE GLI OCCHI! INDIGNATEVI! RIBELLATTEVI!

  11. smaschera satana

    Ma quali precari da assumere!

    Se sono precari significa che avevano contratti a tempo determianto no?

    E allora perch' dovrebbero pretendere l'assunzione se non ci sono posti disponibili?

    Basta megaassunzioni pubbliche a spese degli altri cittadini!

    Anzi, lo stato dovrebbe togliere le pensioni abusive illegalmente concesse a tutti i baby pensionati, bloccare il turn over fino alla diminuzione di 400.00 dipendenti fannulloni di troppo, chiudere tutti gli enti pubblici e licanziarne tutti i megadirigenti iperpagati senza motivo, togliere le pensioni d'oro inique concesse in passato, abolire la pensione sociale (la pensione dovrebbe andare solo a chi versa contributi!) e impedire che cittadini stranieri usufruiscano di servizi pubblici gratuiti e assistenza gratuita se non sono regolari e contribuenti.

    Attenti che altrimenti la gente per bene passa all'azione come nei paesi arabi, pezzi di mangiapane a tradimento!

  12. nettuno48

    il miliardario pluriprescritto si duole del danno arrecato alla collettività per i 20 milioni di euro spesi dai magistrati nelle indagini che lo riguardano mentre è totalmente silente sui 350 milioni di euro sottratti dal suo governo alla collettività per non voler indire i referendum nei giorni in cui si terranno le elezioni amministrative.
    lungi dal curare gli interessi del popolo l'unica cosa che interessa veramente al porno nano è fare esclusivamente i suoi interessi personali.
    dimettiti b.*

  13. Silla

    Ho letto qualche commento: " …Berlusconi ha ereditato i precari dalla sinistra…è colpa della sinistra." Allora anche Ruby, Mills, ecc. ecc. sarebbero stati ereditati dalla sinistra. Ma già in questo caso sarebbe colpa dei giudici di sinistra. Anche il baciamano servile ed umiliante a Gheddafi sarebbe stato suggerito dalla sinistra. Ma mi facciano il piacere!

  14. Silla

    Ho letto qualche commento: "…Berlusconi ha ereditato i precari dalla sinistra… è colpa della sinistra." Allora anche Ruby, Mills, ecc. ecc. sarebbero stati ereditati dall sinistra. Ma già in questo caso sarebbe colpa dei giudici di sinistra. Anche il baciamano servile ed umiliante a Gheddafi sarebbe stato suggerito dalla sinistra. Ma mi facciano il piacere!

  15. nellaj

    X Matteo:La diffidenza sta a monte, ecco cosa c'è, come quella che hai avuto u nei confronti del blog. Poi quello che hai scritto non è difficile da capire, quello che tu devi capire invece è che il ristorante come desiderio consumistico non regge l'esempio per chi dve fare salti mortali per far quadrare il bilancio mensile e che si accontenta del discount per sè, comprando la roba di marca (essenziale) per i propri figli. Evidentemente tu PARLI COME MANGI.

  16. klaumazz

    Perchè con la Sinistra il petrolio non lo prendevamo dalla Libia???? I precari sono nati all'improvviso???? per quanto riguarda Mills e Ruby…aspettiamo…Intanto anche la Boccassini ha fatto marcia indietro sulle intercettazioni telefoniche e sul loro sputtanamento sui giornali…..che schifo…tutta colpa di >Berlusconi…vero?????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *