In circostanze analoghe le donne si comportano come gli uomini

Le differenze di genere sono biologiche, oppure sono il risultato di secoli di educazione indirizzata verso la separazione netta dei ruoli?

Fino a poco tempo fa non sarebbe stato possibile comprenderlo non avendo dati a disposizione, o comunque, non avendo una realtà di riferimento diversa da quella tradizionale. Per secoli le donne hanno subito il dominio del maschio e di conseguenza sono emerse delle caratteristiche particolari a dispetto di altre rimaste allo stato latente.

Uno studio recente dell’Università di Tilburg in Olanda, che ha preso in esame 1500 professionisti, fa emergere una realtà diversa ed insospettabile: le donne in carriera tradiscono il partner allo stesso modo e con la stessa frequenza dei colleghi maschi. In particolare i ricercatori hanno notato che i livelli di potere e di autostima sono i principali fattori che hanno determinato se una persona è stata infedele o meno. Tant’è che il coordinato Joris Lammers ha commentato: “Così come sempre più donne si trovano in maggior posizioni di potere e sono considerate uguali agli uomini, il loro familiare comportamento potrebbe anche cambiare. Questo può portare a un aumento dei comportamenti negativi tra le donne che in passato sono stati più comuni fra gli uomini”.

Chissà se comportamenti analoghi si manifesterebbero se le donne potessero decidere riguardo i conflitti mondiali. Se così fosse, in altre parole, se le donne fossero come gli uomini, l’umanità avrebbe perso l’ultima possibilità!

Blog che citano questo post:

2 commenti su “In circostanze analoghe le donne si comportano come gli uomini

  1. Giuseppe

    Mi sa che i comportamenti più o meno insani sono decisi dai valori del contesto sociale e non dal genere femminile o maschile. La nostra mentalità occidentale è sempre propensa a pensare che chi ha potere alla fine può fare tutto quello che vuole.

  2. NewFractals

    Il contesto del tradimento di coppia mi sembra un po' ristretto per un discorso così ampio: se anche tradiamo come i maschi non è certo che abbiamo proprio *tutti* i loro comportamenti negativi.
    Sinceramente, credo sia troppo presto per dire se ci sono differenze "biologiche" nel comportamento fra uomini e donne. Ci siamo liberate da poco, e non dovunque. La cultura in cui cresciamo dà ancora molta importanza alle differenze di sesso: pensa al piangere… A un bambino si insegna a non piangere "come una femminuccia", mentre alle bambine questo comportamento si inculca meno.
    Il pianto femminile è più frequente di quello maschile per questo motivo, imposto, oppure per questioni ormonali? Sicuramente si tratta di una valvola di sfogo che fa bene alla nostra salute (quando non si tratta di un comportamento eccessivo)… saremo noi a perderlo col tempo, mascolinizzandoci, o saranno gli uomini a riavvicinarsi a noi, perché diventerà un comportamento più accettato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *