C’è differenza tra chi esulta per la morte di Bin Laden e chi ha esultato per l’attacco alle Torri Gemelle?

Metto da parte tutti i miei dubbi circa la paternità dell’attentato alle Torri Gemelle, per avanzare la legittima domanda che ho posto nel titolo. Non mi piace essere definita “complottista”, ma ci sono molti misteri non chiariti nella versione ufficiale fornita dagli Stati Uniti, che di scheletri negli armadi ne ha fin troppi, non ultimo la originaria capacità di perseguire il genocidio per fini predatori e colonialisti. Gli Usa non sono l’espressione vivente della Verità! Detto questo, poniamo che sia stato davvero Bin Laden ad ideare e realizzare l’attentato alle Torri Gemelle, eludendo magnificamente le difese della più grande potenza mondiale! Ricordo vividamente l’accusa che fu posta alle comunità islamiche italiane, colpevoli di aver esultato per il successo dell’operazione terroristica. Ebbene, quale differenza c’è tra chi ha esultato per la morte di Bin Laden e chi allora esultò per la morte degli occidentali? La vita umana è un valore indiscutibile, oppure esistono vite che non hanno il diritto di vivere?

Bin Laden è davvero il demonio? Il male assoluto? Il nemico da eliminare ad ogni costo? O non è forse vero che noi occidentali abbiamo il congenito bisogno di costruirci un nemico per dare un senso alla nostra esistenza? Ed è sempre l’incolpevole Dio il nostro testimone?

A voi non fa senso che Obama continuamente richiami la protezione divina? Non vi fa venire la pelle d’oca che Dio sia chiamato ad uccidere? E a sostenere la mano dell’omicida? Non vi fa senso pensare che il vostro nemico altro non è che il vostro volto nello specchio? Che differenza c’è tra la guerra Santa e invocare Dio per uccidere il proprio nemico?

Da quale parte è la verità? Siamo sicuri davvero di avere ragione? Quale ragione? Quella della ragione oppure quella della FORZA?

Personalmente mi fa orrore un popolo che preghi Dio per uccidere, che sia esso islamico, o americano!

Io ho tanti dubbi, e persistono visto che gli Usa non si sono degnati di chiarire la dinamica della cattura e dell’uccisione di Osama Bin Laden (ammesso che questo fantasma sia mai esistito). Chi ha tratto vantaggio dall’attentato dell’11 settembre? Non è forse la fame energetica che muove l’istinto predatorio degli Stati Uniti? E non è forse immaginabile che gli Usa abbiano imparato che un secondo Vietnam non andava ripetuto? Prima di impelagarsi in nuovi conflitti sarebbe stato opportuno avere il popolo dalla propria parte? E quale mezzo poteva essere più efficace della creazione di un nemico invisibile?

15 commenti su “C’è differenza tra chi esulta per la morte di Bin Laden e chi ha esultato per l’attacco alle Torri Gemelle?

  1. linea gotica

    infatti, e non sarà l'ultima. oggi però, a differenza delle epoche passate, abbiamo il web che può aiutarci più di ogni altro mezzo a scoprire la verità. anche se, in questo caso, non sarà per niente facile. forse non sapremo mai la verità, ma quantomeno cerchiamo di saperne di più di ciò che sappiamo ad oggi

  2. Riverinflood

    Dio è sempre stato invocato o per aver salva la vita o per togliere la vita. Di solito viene invocato a giustificazione della propria impotenza e/o il contrario di essa. Chi utilizza Dio per questo genere di attività non ha nessuna remora nei confronto del contesto umano in cui si muove. E bisogna essere sguaiatamente credenti o ipocritamente religiosi perché si possa perpetrare delitti e crimini contro l'umanità. E se poi mettiamo nel conto anche l'innata conflittualità dell'essere umano, il quadro si fa completo. Ma tutto questo non giustifica l'azione violenta dell'uomo, sia che abbia ragione o torto. Gandhi, infatti, ha lottato in modo completamente diverso gli inglesi. Gli Usa hanno deciso di diventare la mano di Dio sin dalla fine della 1ª Guerra Mondiale e subito dopo la 2ª hanno messo in pratica la loro decisione. Per fare ciò hanno costruito menzogne su menzogne e per ogni menzogna fabbricato personaggi di ogni razza e religione per riuscirvi. Bin Laden è uno di questi. Personalmente ritengo che Bin Laden fosse morto già da tempo e che Obama si sia mosso più o meno sulle stesse mosse in cui si è mosso Sarkozoy nel caso della Libia. A chi giova tutto questo, pensando verosimilmente che farsi autoattentati in casa propria (vedi 11 settembre) non legittimi poi lunghe e diverse reazioni a catena, "utilizzando la legge divina del taglione", tanto cara a certa cultura nordamericana. Gli esiti finali sono scontati. Ciò che non lo è non è realizzabile. In fondo, un Ordine mondiale gestito dagli Usa a loro uso e consumo farebbe felici tanti Paesi, eccetto credo la Cina, e un po' meno la Russia di oggi. Ma anche un mondo diviso in tre o in due, alla fine non durerebbe a lungio. Ciao!

  3. wiBlog

    Ho forti dubbi sulla morte di Bin Laden… ma cmq secondo me cambia poco anche con sua la morte, perché non ci dice chi ha "creato" Bin Laden (chi armava i talebani effettivamente lo sappiamo, però le scuse mica sono arrivate?! Anzi ora festeggiano pure…), con chi era in affari (ad esempio Bush), chi ha guadagnato con gli enormi sbalzi della borsa (praticamente pilotata dagli attentati e dagli annunci dei terroristi-presidenti), ecc. ecc. Ancora una volta gli Stati Uniti pretendono un vero atto di fede da parte del resto del mondo, ma così non cambierà mai niente. Ci sono enormi responsabilità del mondo occidentale dietro a tutti questi dittatori, ci sono interessi che solo gli sciocchi non vedono…

  4. Riflessioni Urbane

    Fai bene, Tisbe, a ricordare che se tutto ha avuto inizio con l'incredibile (e chissà quanto credibile) capacità di 19 caprai nel prendersi gioco del NORAD pilotando dei Boeing (mica il triplano del Barone Rosso)….beh, rimane da capire quanto a seguire fino al 1 maggio sia meritevole di credibilità.

    Ciao
    Salvatore

  5. Maxso Magazine

    Gli americani sono stati capaci di trasformare un terrorista in un martire. Ho una mia opinione al riguardo. Secondo me, Bin Laden è stato ucciso perchè sapeva troppe cose scomode. Riguardo all'esultanza degli americani, l'ho trovato semplicemente ridicola…

  6. gattoff

    Mentre credo che invocare la divina Provvidenza sia solo chiamare in soccorso una superstizione religiosa e non serva assolutamente a nulla, Bin Laden se avesse dovuto essere colpito da dio certamente sarebbe morto di vecchiaia.
    Non condivido due argomenti di questo post.
    1°Non credo alla tesi complottistisca che dovrebbe celarsi dietro alla strage. Troppo tortuosa e , a mio parere impossibile da attuare, tendo ad assimilarla a quella che nega che lo sbarco sulla luna sia mai avvenuto, oppure all'esistenza degli UFO.
    2° Non è giusto mettere sullo stesso piano le vittime innocenti delle Torri con Bin Laden che è stato il mandante di molte stragi. Bin Laden era un fanatico assassino che colpiva persone che non avevano nessuna colpa.
    Detto questo non intendo iscrivermi al partito di quelli che hanno esultato per la sua morte ma credo che sia stato giusto perseguirlo perchè era un crudele assassino. Non sono d'accordo sul fatto che averlo ucciso sia stata un azione sacrosanta perchè sono contrario alla pena di morte, avrei preferito che fosse stato catturato ed messo in condizioni di non nuocere.

  7. fabio

    i dubbi su bin laden e sulle torre gemelle sono piu' che legittimi e non voglio polemizzare su questo. La cosa che contesto e' paragonare un occidentale di tradizione cristiana (ed io mi ritengo tale), ad un islamico. l'islamico non potra' mai essere nostro amico, la storia insegna che gli islamici sono nostri nemici da sempre in quanto loro unico scopo e' conquistarci ed imporci il loro credo con la violenza. Le religioni di matrice cristiana avranno i loro difetti e limiti, ma professano l'amore (anche per chi non e' cristiano) e non l'odio come si riscontra nell'islam.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *