Libere considerazioni post Quorum

L’aria sta cambiando. Ne avevamo avuto la percezione in questi ultimi mesi e i risultati referendari ne danno una conferma. Ciò non vuol dire strumentalizzare i referendum, ma prendere atto che il popolo italiano ha deciso di voltare pagina e di non farsi strumentalizzare dalla maggioranza (?) di governo. Come sempre accade, le sconfitte sono orfane e le vittorie hanno molti reclamatori di paternità.

A vincere sono stati i cittadini italiani che si sono liberamente espressi su 3 questioni fondamentali e hanno compreso i quesiti profondamente, perché non sono stupidi come molti governanti credono.

Innanzi tutto un grazie va al web, ed in particolare a facebook. Nei referendum precedenti la mobilitazione si era avuta nella blogosfera, troppo di nicchia perché potesse spostare realmente consensi. Oggi facebook raccoglie iscrizioni popolari, persino di giovanissimi, e la campagna referendaria ha raggiunto il cuore di tutti. E’ il caso di dirlo: Facebook killed the Mediaset star! Il monopolio mediatico governativo è finito, e la gente, raggiunta da altre informazioni alternative, può finalmente scegliere in libertà e senza coercizioni.

Sbaglia chi sostiene che i due quesiti sull’acqua non siano stati compresi e la gente abbia votato di pancia solo contro le centrali nucleari. Seppur con lo scarto di decimi, l’acqua è stata trainante e la percentuale di sì è la più alta, pari al 96,19%. Gli italiani, per quanto amanti della proprietà privata e sostanzialmente contrari al comunismo, terrorizzati dai cavalli dei bolscevichi intenti ad abbeverarsi alla Fontana di Trevi, hanno capito che ci sono “cose” che non sono proprietà di nessuno, ma beni collettivi, come l’acqua appunto! Gli italiani hanno capito che il liberismo deve tenere le sue zampacce lontano da certi beni primari, e mi fa sorridere di rabbia il paragone incauto fatto con il pane da un non meglio identificato ospite della Berlinguer su Rai3. Per fare il pane è necessario “LAVORO UMANO” ed è esattamente la parte mercificabile, l’acqua no, non è opera dell’uomo, ma esiste in natura e appartiene a tutti gli esseri viventi.

Glisso la questione nucleare perché ne ho parlato spesso e la mia posizione è simile a quella del Nobel Rubbia. Il paese del sole, può scegliere altre strade, ed è sufficiente investire nella ricerca.

Per quanto non si voglia attribuire alcun significato politico al superamento del Quorum, credo che l’ultimo quesito meriti una riflessione a parte, di natura squisitamente politica. Il quesito sul legittimo impedimento è per sua stessa natura politico, chi non vuole ammetterlo mente sapendo di mentire. Il sì è antiberlusconiano, antigovernativo e sta ad indicare che il 57% degli italiani vuole vedere mister b presentarsi quale imputato ai tanti processi in atto. E’ chiaro che il governo ha perso la maggioranza del consenso nel paese.

Cosa non ha funzionato nella seduzione berlusconiana? Intanto mister b ha perduto il monopolio mediatico grazie all’esistenza del web. I suoi esperti di marketing non hanno potuto imbavagliare la libera circolazione delle notizie e delle idee. Uno squarcio è stato fatto nel drappo dell’ignoranza. Ciò dimostra che se adeguatamente informati, gli italiani sono in grado di prendere decisioni per il bene del paese. Il governo ne prenda atto e consegni l’Italia agli italiani!

15 commenti su “Libere considerazioni post Quorum

  1. Antonio

    beh, se consideri che i suoi collaboratori gli fanno vedere le repliche di AnnoZero in cassetta, allora capisci bene che qualcosa gli sfugge a questo giovanotto! 😉

  2. wiBlog

    Il Governo cerca di minimizzare la batosta, ad esempio Formigoni dice che è un segnale che è stato dato dagli elettori per chiedere un maggiore impegno da parte loro, mentre la Santanché è arrivata a dire che ha vinto il Governo. Cose da pazzi! Quante "sberle" devono ancora ricevere prima di capire che sono stati completamente bocciati dagli italiani? Inoltre questo Governo ha provato in tutti i modi di boicottare il Referendum e quindi ora deve dimettersi! Questi sono capaci di ripresentare una legge peggio del Legittimo Impedimento, perché evidentemente pensano che gli italiani sono stupidi. Il Governo deve dimettersi e Berlusconi deve farsi giudicare dai giudici proprio come hanno detto gli italiani con il Referendum.

  3. vanna

    ……l'Italia s'è desta! Speriamo che l'onda di entusiasmo per affondare definitivamente il nano malefico,non si esaurisca qui. Il web dovrà continuare ad essere la cassa di risonanza per chi non vuol essere imbavagliato, pertanto cara Tina, noi continueremo a fare opposizione costruttiva, per quel che può servire. Complimenti, gran bell'articolo.

    1. Tisbe Autore del post

      Grazie Vanna. Per nostra fortuna la rete è difficilmente imbavagliabile e mister b non riesce a controllarla! Una gran cosa!

  4. michele

    sono contento nel vedere che gli italiani non abbiano creduto agli spropositi detti dal venditore di fumo

  5. hemp

    Infatti questi amministratori sono soggetti che provengono dalla politica e non hanno alcuna capacita imprenditoriale o di gestione di unazienda. Amministrano la cosa pubblica in modo clientelare assumono quelle persone che gli possono garantire piu voti per mezzo di concorsi pubblici truccati in cui il predestinato conosce in anticipo le risposte a discapito della qualita del servizio erogato ai cittadini. 08 18 AM 14 Giu 2011 ….a quanto pare i legaioli sono ancora peggio di quelli del pdl…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *