“Costruire”, un verbo che insulta l’intelligenza degli italiani

«Alla costruzione del tunnel tra il Cern ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si è svolto l’esperimento, l’Italia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro».

immagine tratta dal sito: cronacalive

La gaffe comparsa ieri, sul sito ufficiale del Miur, ci ha fatto ridere di cuore. La rete si è lanciata in una gara di battute sarcastiche invadendo i più popolari Social Network. Di seguito vi propongo quelle più simpatiche pescate qua e là su internet:

Ferrara è lasciata in disparte dalla via Emilia e dal Tunnel Gelmini . Io lo sapevo che ormai siamo la periferia dell’universo

Pare che l’on. Scilipoti abbia presentato un disegno di legge per prolungare il cd. Tunnel Gelmini da Ginevra fino a Messina, in modo da evitare i costi del ponte sullo Stretto!

La Gelmini ha reclutato gli addetti stampa nella casa del Grande Fratello!

Ultime notizie: la dichiarazione solennemente letta dalla Gelmini potrebbero avergliela predisposta nuclei comunisti combattenti collegati alle toghe rosse!
Allarme della Lega: neutrini clandestini Svizzeri potrebbero sbarcare a Lampedusa grazie al tunnel della Gelmini !!
Ogni giorno a Ginevra, un neutrino si sveglia e sa che dovrà correre più veloce della luce. Ogni giorno si sveglia la luce e sa che deve arrivare al Gran Sasso prima del neutrino. Ogni giorno, non importa se tu sia neutrino o luce, ti toccherà ascoltare le minchiate della Gelmini che si è laureata a 732 km da casa e non riesce ad uscire dal tunnel…

Per porre rimedio ad un errore così grossolano, la Gelmini ha pensato bene di dimostrare, per l’ennesima volta, un’arroganza ed una stizza davvero insopportabili. La sua difesa fa acqua da tutte le parti, soprattutto per chi conosce bene il significato della lingua italiana. Sarebbe stato molto più onorevole ammettere l’errore.

Temo che la Gelmini sarà ricordata nei libri di storia per questa grossolana gaffe, sicuramente non commessa da lei personalmente, ma dai suoi collaboratori, scelti con il metro della MERITOCRAZIA, com’è in uso nel governo Berlusconi.

Ultima questione e non di poco conto, il Miur avrebbe potuto starsene zitto, invece di felicitarsi per un risultato che è il frutto del sacrificio di ricercatori che guadagnano meno di 2mila euro mensili.

Ricordiamo, per amore di cronaca, che una delle cortigiane dell’attuale presidente del consiglio, ha dato della “pecora” a chi si suda lo stipendio, e del “leone” a chi, invece, è pronto a vendersi la madre pur di guadagnare 20mila euro mensili. Essere insultati da una Du Barry qualsiasi non ha prezzo!

↔Apprendo che i ricercatori guadagnano 1295 euro mensili e 2 di quelli coinvolti nella ricerca del Cern sono pagati da Svizzera e Francia, in altre parole, per poter fare bene il proprio lavoro, l’Italia l’hanno dovuta lasciare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *