Ilva, l’attacco alla Magistratura: un colpo mortale per la democrazia

Il Ministro all’Ambiente Clini sostiene che la Magistratura è incompetente. Secondo me lo è questo Governo di Tecnici che non è in grado di far rispettare le Leggi della Repubblica, e  che si piega agli interessi delle lobby senza tener conto delle gravi conseguenze per la salute pubblica e per l’ambiente. Si parla di rischio per l’intero sistema industriale italiano senza pensare che la salute è sicuramente prioritaria su qualsiasi altra questione. “Il Gip – ha spiegato il ministro – dice che l’impianto è una sorgente di rischio e fa riferimento ai dati della perizia che ha trovato un aumento della mortalità per alcune malattie. La perizia però parla di malattie croniche e tumorali, per cui è impossibile fare una correlazione con i rischi attuali’’. Se Clini è così convinto di una mancata correlazione tra l’attività dell’Ilva e le patologie tumorali, perché non si sposta a vivere, con l’intera famiglia, nelle aree interessate? Perché non mostra agli italiani quanto infondate siano le teorie dei magistrati?

La questione più grave della faccenda Ilva di Taranto, però non è solamente quella legata alla salute pubblica, ce n’è un’altra che mina dalle fondamenta la struttura democratica su cui dovrebbe fondarsi l’amministrazione del Paese Italia.

Il Governo, oltre a favorire gli interessi di privati, persegue un disegno ancora più criminale, che è quello di distruggere ogni segnale di democrazia, smantellando uno dei poteri ancora resistente (la Magistratura) avendo già di fatto smantellato un altro potere (il Parlamento) con il bene placido dei cittadini.

Il governo dei tecnici ha rappresentato la possibilità di liberarsi del governo dei buffoni, ma non altro, perché era chiaro fin da principio che non vi era alcun intento di salvare l’Italia, ma solo quello di mettere al sicuro i capitali delle lobby e affini, insomma di aiutare l’alta finanza a non rispondere alle richieste legittime dell’economia reale.

Tale governo, insediatosi a furor di popolo, ha portato a termine il lavoro già iniziato con la legge elettorale detta Porcellum, fotocopia della già nota Legge Acerbo, che permise a Mussolini di liberarsi definitivamente dei parlamentari. E non è bastata la levata di scudi della democratica Germania, il Presidente del Consiglio Monti, continua lungo il percorso di totale delegittimazione del Parlamento, additato pubblicamente come unico colpevole e responsabile dell’inattività governativa.

Il Potere Esecutivo rappresentato dall’attuale governo, dopo aver spazzato via inesorabilmente le ultime resistenze del Potere Legislativo (ndr. Parlamento), sta portando a termine il lavotro iniziato da Berlusconi: la delegittimazione definitiva del terzo potere dello stato democratico: il Potere Giudiziario.

Siamo di fronte ad un silenzioso colpo di stato, auspicato dalla maggior parte dei cittadini, preoccupati unicamente di avere gli euro necessari per farsi una bella vacanza.

Sappiate, cittadini italiani, che non è in gioco una misera vacanza! Vi state giocando la democrazia di questo paese. Questo almeno, vi deve essere chiaro!

♣”Valori di diossine, furfurano e contaminanti sottratti dal database ILVA

Un commento su “Ilva, l’attacco alla Magistratura: un colpo mortale per la democrazia

  1. vittorio

    Mentre nel Mondo i Popoli vengono sommersi dalle (chiacchiere)

    E come recita quel detto non fanno farina.
    Intorno ha noi esiste il vero Mondo purtroppo per apatia o per stupidità

    Siamo in pochi ha vederlo.

    Ho lavorato per 18 anni alla stazione di ( S .M .N) di Firenze e ciò che descrivo nel post è verità il tutto rispecchia la nostra società e ciò che saremo.

    Anime sospese
    le ho viste aggirarsi in tutte le stazioni
    in cerca della loro identità perduta
    vita vissuta ai margini della dignità imposta da una società malata
    Priva di amore verso i più umili che stanchi di lottare si sono arresi
    assistendo impassibili alla vita che non gli appartiene più
    Vita ricercata nella folla frettolosa schiava del tempo che passa veloce
    come fossero automi taluni offrono una moneta
    tenendo in vita queste anime sospese condannate a fare da specchio a tutta l’umanità.
    ( A. VITTORIO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *