Non sarebbe meglio viverla e basta la vita?

E’ un vantaggio avere coscienza?

E si può essere felici nella consapevolezza della vita e del mondo?

Chi siamo, e perché pensiamo oltre il necessario che ci consente di sopravvivere?

Non sarebbe meglio viverla e basta la vita?

Non sarebbe meglio non percepire l’angoscia del “senso” o della “mancanza di senso” della vita?

E sono tutti complicati come me, oppure esistono esseri umani che certe questioni non se le pongono affatto?

E se così fosse, cosa mi manca perché TUTTO mi appaia giusto?

Cosa mi manca perché questa realtà mi basti?

Non lo so, stasera sono confusa…

3 commenti su “Non sarebbe meglio viverla e basta la vita?

  1. Francesco

    Se sto commentando il post giusto (sulla necessità o meno di trovare il senso della vita) : io non riesco a stare una vita senza chiedermene il senso . Ovviamente è ben diverso dal dire che l'abbia trovato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *