C’è chi esulta per la morte di quei diseredati a Lampedusa

Tutto ci si potrebbe aspettare, ma non l’accanimento verso chi già sfortunato, muore ad un passo dalla salvezza. La pietà è morta, persino verso i bambini.

Su facebook, molti trovano il coraggio di esultare per la morte dei migranti, e a questo insulto la mia coscienza si ribella.

No, me lo dovete spiegare! Mi dovete spiegare come si può essere contenti che quei diseredati siano morti annegati mentre cercavano la SPERANZA. Per favore spiegatemelo, altrimenti io esco dall’umanità.

E sono certa che gli stessi, cioè coloro che manifestano gioia per la morte degli innocenti, si scandalizzano se qualcuno osa augurare la stessa fine a un milionario vizioso di nome Berlusconi.

Ancora, sono certa che costoro sfruttano bene la presenza dei clandestini in Italia, se non altro per condire la pastasciutta, infatti sono i migranti che per pochi euro al giorno, sotto la sferza del caporalato, raccolgono i pomodori.

Gli stessi, sottopagano qualche extracomunitario per lasciarlo giorno e notte, senza soluzione di continuità, al capezzale di un loro congiunto, incapaci di provare compassione, e soprattutto incapaci di adoperarsi per prendersi CURA  persino dei consanguinei.

Gli stessi, la domenica si recano a messa, recitano il rosario e pregano il loro dio che li mantenga in vita, li renda ricchi e punisca gli altri.

Io credo che questa società sia ipocrita e radicalmente malata.

Io credo che ogni giorno facciamo un passo in più verso l’abisso della disumanità.

2 commenti su “C’è chi esulta per la morte di quei diseredati a Lampedusa

  1. skip

    è una mala genia di italiani indegna del nostro Bel Paese e, spiace dirlo ma- a quanto pare- non hanno un minimo di coscienza di fronte a nulla, vanno trattati e definiti per quel che sono : "gentaglia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *