Addio 2014 e benvenuto 2015

2015

2015

Un anno fa, il 2014 è cominciato nel peggiore dei modi. Avevo la febbre altissima e una brutta broncopolmonite in atto. C’è voluto un mese intero di terapia per riuscire a migliorare. Poi sul lavoro ho avuto un anno stressantissimo, mi hanno tolto i miei bambini e io mi sono sentita “deportata”, anche se sono rimasta nella stessa città… intanto infelicità e stress indeboliscono le difese immunitarie, e il mostro che convive in me ha ricominciato a ruggire. Altre situazioni difficili hanno richiesto il mio grande sforzo, per ritrovare una sorta di equilibrio, e solo dopo il 30 giugno la tendenza negativa dell’anno in corso si è fermata, e faticosamente ho ricominciato a sperare. Il mio sforzo costante è stato di evitare gli stress e i problemi per quanto possibile, in modo da tenere a bada il mostro… Se devo fare un bilancio, posso dire con certezza che il 2014 non è stato il peggiore anno della mia vita, ma è stato molto faticoso e francamente aspetto la sua fine con sollievo. Mi auguro che il 2015 mi offra relativa serenità e sprazzi di spensieratezza e felicità, perché, ne sono assolutamente certa, è l’infelicità che causa le malattie e provoca la morte, e finché siamo felici viviamo nell’eternità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *