Le vignette, la mafia e… le armi segrete

– Queste vignette di Charlie Hebdo fanno proprio schifo! Si è superato il limite! Qui ci vuole l’incidente diplomatico, ci vuole!!!
– e vabbè, ma pure noi non scherziamo, tutte quelle vignette sulla Boldrini…
– Eh no, le vignette sulla Poltrini si possono fare!
– Perché?
– Ma lei mica è morta! I vivi mica si rispettano! Si rispettano i morti! Anzi, ti dico che si rispettano 3 cose: i morti, le statue e le tradizioni!
– Ma davvero? Non ne ero al corrente. Ma gli imprenditori? Un po’ di sana satira sugli imprenditori no?
– Ma no, ma poverini che non possono più lavorare. Non c’è più un pezzo da cementificare… e vincoli paesaggistici qua, e vincoli architettonici là… poverini! dai!
– Ma come poverini? Festeggiano dopo un terremoto.
– E fanno bene, finalmente un po’ di lavoro, grazie alla pasta all’amatriciana, al 45500 si ricomincia a danzare, qualche mazzetta qua e là, e finalmente l’economia comincia a girare, il Pil sale!
– E i morti, e il rispetto per i morti?
– Ormai sono morti, pensiamo al futuro, noi c’abbiamo le armi nascoste! Mica siamo come quegli sfigati dei cugini francesi! Noi c’abbiamo chi ci difende!
– eh???!!!
– Ma sì, noi abbiamo tante statue che ci proteggono, abbiamo le tradizioni, i gruppi di preghiera, il rosario, le processioni! Vuoi mettere la potenza delle processioni!!!
– Le processioni?
– Sì, le processioni! Basta partecipare e tutto funziona nella vita!
– Ma davvero? E io che non sapevo… ma adesso, fra qualche giorno si riaprono le scuole, tutti questi edifici non a norma che non sono antisismici, come si fa?
– Niente paura. Anche qui c’abbiamo la nostra arma segreta, altro che quegli sfigati dei francesi!
– Quale arma segreta scusa?
– Ma è semplice! Basta mettere una statua di padre pio in ogni atrio delle scuole, ed il gioco è fatto!
– In che senso?
– E che se viene un terremoto stai sicuro che da sotto le macerie la statua di padre pio esce illesa!

blue%20vignette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *