24h nel Pronto Soccorso

Il Pronto Soccorso di Avellino è esteticamente un luogo molto gradevole, è tutto nuovo, contemporaneo, la stanza del ricovero momentaneo è sistemata in modo che l’equipe medica possa tenere, a colpo d’occhio, sotto controllo tutti. Anche gli accostamenti cromatici, dal giallo ocra al ruggine, al verde delle tende sono di forte impatto cromatico. Magari i posti letto sono insufficienti, magari ci sono anche collocati malati a lungo degenza in attesa che si liberino posti nei reparti di riferimento, ma rimane un luogo che pur nel caos della propria destinazione d’uso ha saputo trovare un suo equilibrio e pure una certa privacy.

Il personale poi, è di una cortesia e di una gentilezza che non ti aspetti. Medici ed infermieri sono un ibrido a metà strada fra angeli ed eroi; ogni giorno salvano vite umane e lo fanno in un modo così spontaneo che a guardarli ti senti un po’ in imbarazzo. Sono dei giganti e non lo sanno. Sempre disponibili con tutti, anche con chi è disperato, con chi è nervoso, con chi chiede l’impossibile e con chi non sa essere grato.

Il pronto soccorso è un piccolo mondo dove s’incrociano destini diversi, dove un animo sensibile può fare i conti con tutta la sua umanità sommersa.

Quando l’animo giornalistico cerca di investigare vengono fuori dati sconcertanti. Il 90% dei ricorrenti alle cure del Pronto Soccorso non ne avrebbe bisogno e tra questi molti lo fanno per ottenere gratuitamente gli esami previsti dal protocollo di intervento. Il risultato è che si sottraggono energie e risorse ai casi che necessitano di intervento immediato e reale. Da una parte il Pronto Soccorso sopperisce a carenze strutturali del Servizio Sanitario Nazionale, dall’altra la sua efficacia sull’utente bisognoso subisce un rallentamento.

E poi ci sono loro, i pazienti, molti anziani, qualcuno terminale. Alcuni hanno dietro le pletore delle famiglie, altri sono soli e nessuno li cerca, altri ancora hanno le badanti dell’Est. Ce ne sono alcuni sedati, ridotti a vegetali, attaccati ai respiratori che hanno sul viso già i colori della morte. Te li immagini in vita, giovani e vigorosi, cerchi di indovinare il loro passato, se hanno amato, quali lavori hanno svolto, se sono stati felici. Rivedi la parabola dell’esistenza, ma non è una proiezione personale, piuttosto, per chi muove i primi passi nel crepuscolo della vita, è la comprensione profonda della misera condizione umana.

Poi ci sono anche i pazienti impazienti, per fortuna assai pochi, che vedono il bicchiere sempre mezzo vuoto scambiando il Pronto Soccorso per un resort di lusso e si lamentano di tutto e con tutti. Il dolore non è una vacanza.

E per finire c’è quell’atmosfera sospesa, pregna dei pensieri collettivi, delle sofferenze di tutti, c’è quell’odore di dolore misto a sofferenza ed esalazioni mediche… umori che si mescolano. Un luogo fisico dove individualismi e solitudini si riuniscono all’originario multiverso in un unico sospiro.

Se qualcuno volesse cogliere l’essenza della vita e della morte, afferrare il senso ultimo della parola umanità, allora dovrebbe almeno una volta nella vita trascorrere 24h nel Pronto Soccorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *